Giardino Zoologico – Castello edizioni Micheletti

CONDIVIDI

62 COMMENTI

  1. La domenica pomeriggio con papà e mamma a vedere le “BESTIE FEROCI” e poi due passi dall’altra parte sul piazzale della locomotiva. Mamma mia quanto tempo è passato!!!!

    • ma che infanzia triste hai vissuto?almeno una volta vedevi gli animali veri e imparavi ad amarli davvero non adesso solo tramite internet e social ,tanto che quando i bimbi li vedono davvero “dal vivo “hanno paura smettiamola di fare i perbenisti ad ogni costo

      • Cosa vedevano i tuoi figli: un orso che ciondolava a destra e a sinistra tutto il giorno, un elefante con una zampa legata alla catena come un detenuto, i leoni che anch’essi come detenuti che marciavano da un lato all’altro della gabbia tutto i giorno, L’orso bianco morì dal caldo e forse per inedia poi perché tenere gli animali in gabbia? Quando si ruppero le gabbie dei volatili perché marcie io ho goduto.

    • Non sono animalista ma alcuni spazi di quello zoo erano talmente angusti che anche se ero un bambino quando ci andavo mi era ben chiaro che gli animali ne risentissero parecchio, avevano tutti comportamenti “strani” o si ciondolavano guardando nel vuoto o erano completamente apatici, nulla a che vedere con uno zoo moderno….

    • Chiuso nel 1988,ne sono quasi certo. E’ ovvio che con la sensibilità odierna appare orribile,ma allora gli zoo erano un’attrazione normale,aldilà di perplessità che pure mi ricordo avevamo sull’acclimatamento di animali a climi ai quali non erano abituati.

  2. e va be’,allora diamo anche agli animali una casa in affitto ad equo canone,con riscaldamento autonomo e servitu’……,mi piacciono quei commenti che rapportano gli animali agli esseri umani,gia’ c’e’ differenza fra di noi,figuriamoci…

  3. Anche io non ho un bel ricordo . Ero felice da un lato di poter vedere gli animali da vicino ed era anche una gita domenicale a Brescia,ma poi quando vedevo quel povero orso con il suo continuo girare e dondolare la testa in una gabbia di due metri quadri. . TRISTISSIMO .Ed era così x quasi tutti gli animali in piccole gabbie anguste .. .ero piccola ma ho questo ricordo. .

  4. che ricordi..molto belli come quasi tutti quelli di quando eravamo piccoli e spensierati. Mi piacerebbe rivivere certi pomeriggi in castello in compagnia dei miei cugini ma rimane il fatto che sia molto meglio che lo abbiano chiuso!

  5. Cosa si vedeva: un orso che ciondolava a destra e a sinistra tutto il giorno, un elefante con una zampa legata alla catena come un detenuto, i leoni che anch’essi come detenuti che marciavano da un lato all’altro della gabbia tutto i giorno, L’orso bianco morì dal caldo e forse per inedia poi perché tenere gli animali in gabbia? Quando si ruppero le gabbie dei volatili perché marcie io ho goduto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here