Il popolare e umano mercatino di Piazza Rovetta nel 1980.
(Foto Michele Santoro)

CONDIVIDI

48 COMMENTI

  1. Questo mercato della frutta c’era già quando io andavo all’asilo…..per cui era veramente STORICO peccato che non ci sia più il progresso ha cambiato il cuore della nostra Brescia!!!!!!!

  2. Tre carciofi 100 lire!!! Mele a cento lire al chilo!! ( Proprio dall’ambulante qui riratto.. qualche anno prima pero’: 1972/1973). Anche la mia nonna aveva una bancarella in questa piazza. La chiamava ” la careta” e usava dire ” quacc agn go tirat la careta!!”. Raccontava che si alzava col buio per andare, a piedi, spingendo la ” careta”, fino al mercato ortofrutticolo per l’approvvigionamento quotidiano. Poi tornava , a piedi, in piazza, e alle 7.30 cominciava la giornata. Tra un chilo di mele e due carciofi venduti, trovava il tempo di crescere 8 figli suoi e di allattare i figli di alcune prostitute della zona .. “Ie’ mia catie poarine” diceva….

    • I miei sono del Carmine, e tutte le mattine passavamo da piazza Rovetta, probabilmente la conoscevano anche la tua nonna 🙂 ed è vero che iera mia catie poarine, tante erano ragazze madri cacciate da casa e costrette a far quel mestiere per mangiare

    • E sono d’accordo con il giudizio sulle prostitue, che anche mia madre mi descriveva come donne di cuore, molto solidali tra loro e con le altre donne del vicinato. Era un ambiente simile a quello che evoca spesso De Andre’ nelle sue canzoni: prostitute,odori di varia umanirta’, grida un po’ sguaiate… Un po’ ” Creusa de ma'”..:)

    • Da giovani il sabato sera eravamo spesso alla trattoria “bùsilì”, saprete senz’altro dov’era, certe mangiate di trippa….le prostitute erano il folclore locale e da rispettare in quanto le più sincere. Qualcuno si ricorda di quell’anziano che girava sempre con la valigia a vendere le sigarette di contrabbando?

  3. Mi ricordo tutto,di notte le persone che spingevano i carretti e si parcheggiavano in piazza,erano altri tempi,un altro modo di vivere….tutto sommato non era male,sopratutto perché si era giovani….

  4. Anche la mia nonna aveva con sua sorella la carretta di frutta e vdrdura, era azzurra e ricordo tante donne che lavoravano li con le carrette ad esempio la paola e la lina o la signora dei limoni ecc. Che ricordi. 🙂

  5. Mi ricordo il ritornello: Pere, mele uva della sig.ra sull’angolo. Io nel 1985 invece ero lì con la bancarella dell’abbigliamento!!!! e chi si ricorda del povero Roby che vendeva il pesce con i suoi genitori?

  6. Queste settimane ho avuto il piaciere di conoscere il sig.Gino ora ultaraottantenne che è stato uno dei primi ambulanti di frutta in piazza Rovetta. Una persona simpaticissima

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here