“Abitavamo a S. Faustino. In Maddalena si andava a piedi prima, poi con la funivia, il ritorno a piedi naturalmente.Nella foto io sono la più piccola.” (Archivio di famiglia di Anna Pelizzari)

CONDIVIDI

9 COMMENTI

  1. mi ricordo,anch’io salivo,mio cugino portava il pane in bicicletta al garibaldi,quando fecero il parapetto lui scrisse la sua firma nel a molta.Mio papà sotto al gottardo e ai ronchi era con la bancarella dei dei dolciumi ;anche l’ultimo giorno prima di morire era li ,in curva.Una volta andava al s. gottardo con il carretto del gelataio.allora portava con mia mamma il mastello,sui gradini piccoli,era un vero sacrificio!

  2. Scusate… cortesemente mi servirebbe un’informazione su una casa in vetta alla Maddalena. .. “piazzale di asfalto… davanti a me la strada per il Grillo.. sulla sx c’è un’altra stradina che rientra e scende verso il bosco sempre asfaltata che poi si trasforma in mulattiera dopo circa 100 m divenendo tragitto per bicicletta… dove finisce l’asfalto li c’è una casa grande di color grigio con portico… Qualcuno di voi Saprebbe dirmi di chi è? ? è sempre e perennemente chiusa e mi piacerebbe abitarci. .. sono in cerca di locazione ma non ho grandissime possibilità di abitare in pianura e in città. . essendo così fuori magari riesco a giostrare un po il prezzo… se avete informazioni per favore fatemi sapere.. ne vale il futuro di me e della mia famiglia. .. Grazie..

LASCIA UN COMMENTO